I

14 gen 2016

 

Shirley di Charlotte Brontë. Una donna indipendente

Shirley è stato il secondo romanzo scritto da Charlotte Brontë dopo Jane Eyre. Qui la Brontë abbandona la narrazione in prima persona da parte del personaggio principale femminile, che aveva impiegato con successo nel precedente libro e che sarebbe riapparso in Villette, in favore di una terza persona onnisciente che narra la storia. I personaggi principali sono due donne Shirley Keeldar e Caroline Helstone. Shirley una giovane donna testarda, indipendente e determinata che si ritroverà proprietaria di terreni e Caroline donna timida e incerta, ma anche saggia e capace. Protagonisti sentimentali anche due uomini l'industriale Robert Gérard Moore e il fratello insegnante Louis. 

Bronte-Shirley- cover- fazi editore



Il romanzo inizia con Robert Moore, un industriale dello Yorkshire, che attende una spedizione di macchinari tessili distrutti dai lavoratori arrabbiati che protestano la perdita dei posti di lavoro alla fabbrica. Robert è un tipo insensibile verso coloro che hanno perso il lavoro, concentrato più sui profitti dell'azienda. Rifiuterà una proposta di matrimonio da parte della lontana cugina Caroline Helstone, attratto da Shirley una ricca ereditiera, forte donna indipendente proprietaria di terreni, che a sua volta respingerà la proposta definitiva di Robert.

Caroline, povera ma rispettabile, non ha altre prospettive sia di matrimonio che di lavoro, dal momento che tutte le professioni diverse da quella di governante sono precluse alle donne. Figlia di una madre assente e un padre violento, Caroline vive presso lo zio sacerdote, uomo cui il matrimonio lo ha reso diffidente verso le donne in generale. Dopo il rifiuto di Robert, Caroline si ritira in questa casa senza amore, cominciando a deperire finché incontrata Shirley le restituirà la salute diventando sua amica.

Shirley nel frattempo ha un infatuazione per Louis il fratello di Robert e un tempo suo precettore di francese, un uomo indigente ma il suo orgoglio le impedisce di esprimere quei sentimenti, Louis, a sua volta, è altrettanto trattenuto dal dichiarare il suo amore verso di lei per paura del rifiuto dato da una donna i cui mezzi economici sono notevolmente superiori dei suoi. Ma d'altronde quasi ogni uomo non sposato intorno per chilometri sta cercando di ottenere la mano di Shirley.
Fieldhead Hall- Shirley-New York Harper & brothers 1870

L'idea della Brontë era quella di scrivere una grande storia d'amore su uno sfondo sociale industriale ma fu costretta a modificare le sue intenzioni originali più volte durante il corso della stesura del romanzo. Basato su alcuni riferimenti autobiografici questo poteva essere di imbarazzo nell'ambientarlo nel suo presente (1849), quindi concentrò la sua storia fra il 1811 e il 1812 durante la depressione industriale causate dalle guerre napoleoniche, nell'episodio storico delle rivolte sociali luddiste sul settore tessile dello Yorkshire, con i lavoratori disperati di perdere il posto a causa della meccanizzazione degli stabilimenti. 

Nonostante il lieto fine convenzionale del romanzo, Shirley (che esce ora per l'editore Fazi) è comunque un potente atto d'accusa contro la posizione delle donne nel diciannovesimo secolo. Il loro status di indipendenza rappresenta una fonte di miseria nel destino iniziale di Caroline Helstone, che, come le stesse sorelle Brontë, non ha né la dote con cui assicurare un marito né un qualsiasi mezzo rispettabile per guadagnarsi da vivere.

La condizione delle altre donne che dipendono dagli uomini per la loro sopravvivenza è simile alla situazione dei lavoratori soggetti al loro padrone. Charlotte raccontava la società inglese disorientata dalla rivoluzione industriale e dagli effetti nella cultura e nel sociale, e per un certo verso si può considerare un romanzo storico sullo sfondo delle guerre napoleoniche, anticipando di qualche anno i Tempi difficili  di Dickens il quale affermava di non aver mai letto la Brontè anche se nei suoi romanzi David Copperfield e Casa desolata ci possono essere analogie con Jane Eyre.  
Hollow Mill- Shirley-New York Harper & brothers 1870

Gran parte degli avvenimenti e personaggi reali ispirarono Charlotte alla stesura del romanzo ascoltati dalle narrazioni degli abitanti della regione, documentandosi sui giornali dell'epoca per capire meglio lo spirito che aleggiava in quei tempi turbolenti. 
Per Shirley si ispirò dal vivo su molti dei suoi compaesani, ma inventò i fatti: pensava che, essendo questi fittizi, potevano ritrarre la realtà delle persone senza che venissero riconosciute. Ma si sbagliò.

Ci furono persone che si riconobbero: chi venne riconosciuto da altri, sia nella descrizione che nel comportamento, chi nel linguaggio e modo di pensare, nonostante nel romanzo i personaggi agiscono in situazioni differenti. I curati descritti con una sottile ironia e umorismo, erano tre uomini realmente vissuti ad Haworth e nelle sue vicinanze, dotati di una percezione ottusa della realtà.

Il carattere energico della stessa Shirley è, secondo Charlotte, il ritratto della sorella Emily. "I personaggi di questo libro sono soltanto creature imperfette (la mia penna si rifiuterebbe di proporre personaggi modello)" scrive nel libro l'autrice.

Durante la stesura del secondo tomo gli morì il fratello, e la sorella Emily già malata lo seguì poco dopo. L'altra sorella Anne morì l'anno successivo. E' comprensibile che il tono del romanzo dopo queste tragedie subì delle variazioni, in particolare sul destino di Caroline Helstone, liberamente ispirato a Anne.

Il capitolo XXIV lo intitolerà La valle dell’ombra della morte che risente la sofferenza patita da Charlotte, in un momento di malattia nel personaggio di Caroline, così come l'apertura del capitolo successivo
"Non sempre vince colui che tenta questo divino combattimento. Notte dopo notte, il nero sudore dell’agonia può zampillare sulla povera fronte, e colui che assiste invano supplica con quella voce senza suono che spira dall’anima nel colloquio con l’Invisibile. - Risparmia l’oggetto del mio amore-, implora, - guarisci la vita della mia vita! Non strappare da me quel lungo affetto che s’intreccia con la mia natura tutta! Dio dei cieli, chinati su di noi... ascoltaci... sii clemente!-". 



shirley-New York Harper & brothers 1870


Per quei critici che avevano elogiato Jane Eyre, Shirley fu una delusione. La stessa Charlotte ne era poco convinta "Standomene appartata, ora aspetto di vedere quel che ne sarà di "Shirley". Le mie aspettative sono molto poche, le mie previsioni alquanto tristi e amare, tuttavia la scongiuro di esprimere onestamente la sua opinione; l'adulazione sarebbe peggio che vana" scrive in una lettera a G. H. Lewes, critico letterario della Edinburgh Review. 

Anche se pubblicò sotto lo pseudonimo di Currer Bell, pensando che in questo scritto non si potesse intravedere una mano femminile, venne scoperta da un lettore che si era stabilito a Liverpool, il quale quando lesse il libro fu colpito dal nome di alcuni luoghi che vi erano menzionati e dai modi della lingua dialettale usata,  giungendo alla conclusione che l'autore era di Haworth e l'unica persona in quel villaggio in grado di avere scritto il romanzo era Miss Brontë, rendendo così pubblicamente in un giornale le sue deduzioni. A quel punto Charlotte lo dovette ammettere durante una visita a Londra nel 1849.

Vedi anche
Elizabeth Gaskell
Castelvecchi  editore

Ma se fuori dall'Inghilterra gli elogi all'opera si sprecavano, nel suo paese veniva aspramente criticata tanto che ospite dei Thackeray, la moglie dello scrittore gli nascose il Times che conteneva una severa critica per non addolorarla. "La signora Smith riprese il suo lavoro di cucito sforzandosi di non osservare l'espressione dell'altra che tentava di nascondersi dietro le pagine; ma non poté non accorgersi delle lacrime che le rigavano le guance cadendo sul grembo" scrive Elizabeth Gaskell nella sua biografia. Lewes criticò i personaggi di Shirley come innaturali e poco realistici, nonostante l'affermazione dell'autrice che essi erano tratti dalla vita reale.

Sotto certi aspetti però la critica negativa funzionò da cassa di risonanza per la scrittrice dando al romanzo un altra chance. Shirley, pur considerata un opera minore, differisce notevolmente da Jane Eyre, avendo affinità con Mary Barton e Nord e Sud di Elizabeth Gaskell, e anche qualcosa con l'eroina di Hardy in Via dalla pazza folla.

Il romanzo contiene un esplicita requisitoria sulla condizione della donna in Inghilterra volta ad evidenziare le classi e le divisioni sociali con le possibili conseguenze. Il personaggio di Shirley Keeldar, comunque, diverrà una delle prime eroine indipendenti e risolute della letteratura inglese anticipando la nuova figura della donna alla fine dell'epoca vittoriana.

Curiosità
Nonostante l'autrice sia ben nota e amata, a livello cinematografico e televisivo, solo Jane Eyre è stato adatto più volte se si eccettua Villette una miniserie del 1970, e un film su Shirley nel 1922.


Il libro 




Charlotte Brontë
Fazi editore





Scopri altri libri da leggere


Nessun commento :

Posta un commento

CURARSI CON I LIBRI
Rimedi letterari per ogni malanno

Si può guarire con i libri?  E' quello che ci propongono Ella Berthoud e Susan Elderkin in Curarsi con i libri (Sellerio).