I

01 set 2015

 

I ricordi dell' Oriente di Agatha Christie e John Dos Passos

Agatha Christie e lo scrittore americano John Dos Passos fra gli anni venti e trenta ebbero un unico desiderio: visitare l'Oriente. Luogo da sempre dotato di fascino che attraeva gran parte dei letterati di lingua inglese. Di queste esperienze ne parlarono in alcuni libri di memorie di viaggio. Dos Passos si trovò in Oriente nel 1921, la Christie qualche anno dopo trovando anche marito.

Agatha Christie supervising the workmen Britishmuseum
Agatha Christie supervisiona alcuni lavori di scavo



Agatha Christie si interessò all'archeologia durante una visita al sito di Ur (Iraq) nel 1928. Qui incontrò il suo futuro marito, l'archeologo Max Mallowan e venne coinvolta negli scavi dei siti in Iraq e Siria. 
"Avevo sempre sognato di viaggiare con l’Orient-Express. Durante i miei viaggi in Francia, in Spagna o in Italia, l’avevo spesso visto fermo a Calais, e avevo dovuto reprimere l’impulso a salirvi... Il comandante Howe mi scrisse i nomi di alcuni posti che non dovevo mancare di vedere. «Non si faccia intrappolare dai nostri connazionali. Vada a Mosul… naturalmente a Bassora, ma soprattutto non tralasci di visitare Ur." scrive nella sua biografia La mia vita 

Agatha accompagnerà il giovane Max (14 anni meno di lei) negli scavi e svolgerà il ruolo di assistente fra pulizia, riparazione di oggetti, e catalogazione di reperti. Divenne molto esperta e  rispettata dai colleghi di Max per il suo lavoro certosino. Ebbe anche il tempo di scrivere alcuni dei suoi più noti libri che sono basati sulla sua vita in Medio Oriente fra cui Assassinio sull'Orient Express, Assassinio sul Nilo, Appuntamento con la morte e più in particolare la Mesopotamia di Non c'è più scampo.

Max Mallowan and Agatha Christie.Wikipedia
Max Mallowan e Agatha Christie
Da queste cronache o avventure archeologiche in Medio Oriente venne fuori il libro di memorie Viaggiare è il mio peccato uscito nel 1946. Anche se gli eventi raccontati non paiono avere un ordine cronologico - non viene mai indicata una data precisa - ella li descrive con una certa nostalgia "dopo quattro anni di guerra, mi sono trovata a ripensare a quei giorni trascorsi in Siria; alla fine mi sono sentita indotta a tirar fuori i miei appunti e diari e a portare a termine quanto avevo iniziato e messo da parte. Perché mi sembra che sia bello ricordare quei giorni e quei luoghi e che proprio in quest’istante la mia collinetta di calendule sia in fiore e che là ci siano vecchi dalle bianche barbe che arrancano dietro i loro asini e ignorano che c’è una guerra. «Non ci ha toccato…» Perché dopo quattro anni passati a Londra con la guerra, mi rendo conto di quanto fosse bella quella vita e che gioia e che sollievo sia stato per me rivivere quei giorni…"

                                                        
Agatha Christie. Viaggiare è il mio peccato

Nel libro c'è una Christie ironica che descrive talvolta dei ritratti umani simpatici delle varie persone incontrate sia europee che asiatiche. Per esempio rimarrà sbalordita quando uno sceicco avendo bisogno di cure mediche per le sue cinque mogli cercherà aiuto da parte della scrittrice nei favolosi rimedi occidentali: bicarbonato e acido borico, mentre Max tradurrà che forse è il caso che qualcuna venga portata in un ospedale. Oppure la diffidenza verso il cioccolato nell'idea di un vecchio a cui viene offerto, il quale cortesemente ringrazia e lo mette in tasca, al che l'inglese chiedendo perché non lo mangia il vecchio risponde "Sembra buono, ma è una cosa nuova per me. Potrebbe essere pericolosa".

Durante un soggiorno in una abitazione insieme a un colonnello c'è un problema di pipistrelli, egli li mette in guardia nel passare la notte nella camera dove è stato assalito in precedenza da decine di questi animali creando un marchingegno per intrappolarli, privandolo di molte ore di sonno. Ma in realtà Agatha avrà la visita di una sola di queste creature, dando la colpa delle visioni moltiplicate all'alcool che ingurgitava spesso il colonnello. Oltre alla descrizione dei ritrovamenti nei siti, ci sono aneddoti sull' ospitalità interrotta da pulci e zecche, e problemi di stitichezza nel gruppo. Il libro è un contributo alla letteratura sul Medio Oriente vista da un inglese. Esso contiene le descrizioni nostalgiche di esplorazioni e contatti con popoli lontani riconoscendone le disgrazie e i rapporti sociali con gli abitanti e suscitando talvolta qualche sorriso su un mondo ai loro occhi pittoresco. 




L'Oriente poetico di Dos Passos

Negli anni '20 un giovane scrittore americano nato a Chicago di nome John Dos Passos - esponente della cosiddetta generazione perduta e per un periodo amico di Hemingway - salì a bordo dell' Orient-Express da Parigi e si diresse da solo verso il Medio Oriente, in parte per sfuggire al vortice letterario di Parigi e New York, dopo aver pubblicato Iniziazione di un uomo (1920) il libro d’esordio, un racconto quasi autobiografico sulla carneficina della guerra di trincea, vissuta in prima persona come autista di ambulanze sul fronte franco-tedesco, ma anche per soddisfare un fascino di lunga data con l'Oriente, la sua storia e il suo popolo. Con un'odissea personale ricca di avventure attraversò la Turchia, l'Iran e l'Iraq. Per Dos Passos la regione era un grande archivio di immagini, la scoperta di stili di vita e valori genuini da dove egli traeva conforto nei momenti difficili.

Amava viaggiare solitario, spesso a piedi, di villaggio in villaggio, condividendo la vita semplice dei viaggiatori del deserto. Qui trovò dei valori umani di base interessanti, lontano dal mondo urbano sofisticato che aveva lasciato alle spalle. Salì sull' Orient-Express per Istanbul, dove sperava di trovare un lavoro con la Croce Rossa che gli avrebbe permesso di viaggiare fino alla Persia. Il lavoro non lo trovò ma c’era un cargo nel Mar Nero che andava verso la nuova repubblica sovietica della Georgia. Poi inoltratosi nell'entroterra in treno fino a Tiflis (odierna Tbilisi), da una serie di vagoni attraversò un paesaggio sconsolante e triste attraverso l'Armenia, "dove tutti stavano morendo di colera, tifo e fame " per Tabriz e Teheran. Riportò le sue impressioni personali di questo viaggio  nel libro Orient Express uscito nel 1927.  
Ho cominciato a scrivere questi appunti sul piccolo balcone assolato a Marrakech, davanti alla grande torre color cacao Koutoubia, con i suoi fregi color pavone, sormontata da tre palme dorate... e oltre la catena innevata dell'Atlante...”

marrakech
Marrakech

Le sue osservazioni in queste pagine sono quasi poetiche, molto suggestive per un comune libro di impressioni di viaggio, raffigurando nella mente del lettore una vividezza che non può essere ignorata. Mentre la civile America era il soggetto dei suoi romanzi (Manhattan Transfer), il Medio Oriente sviluppava in lui un interesse personale che lo seguì per tutta la vita.
In Persia - immagino che sia così in tutto l’Islam  - ho l’impressione che la vita scorra senza onde e senza straripamenti. E’ come un corso d’acqua che un tempo è stato un fiume in piena e che adesso è ridotto a qualche pozza tranquilla che riflette l’azzurro delle nuvole”.

John Dos Passos. Orient Express

L'Oriente descritto nelle pagine di questi autori è bel lontano da quello odierno e terribile che ci viene proposto dai media periodicamente nelle immagini di distruzione e morte, per questo è da considerarsi come un reperto storico di un mondo ai nostri occhi occidentali distante nel tempo e nello spazio.


I libri su Amazon

Agatha Christie 



La mia vita, Oscar Mondadori
ebook euro 6,99/ cop. flessibile euro 9,35




Viaggiare è il mio peccato, Oscar Mondadori
ebook euro 6.99/cop.  flessibile euro 8,08









John Dos Passos 




L' iniziazione di un uomo, Piano B edizioni 2013
euro 10,20












Orient Express, Donzelli 2011
euro 15,30












Manhattan Transfer, Baldini & Castoldi
ebook euro 6,99/ cop. flessibile euro 13,60





Scopri altri libri da leggere


Nessun commento :

Posta un commento

CURARSI CON I LIBRI
Rimedi letterari per ogni malanno

Si può guarire con i libri?  E' quello che ci propongono Ella Berthoud e Susan Elderkin in Curarsi con i libri (Sellerio).