I

28 nov 2016

 

Classifica libri più venduti al 27 novembre su librerie fisiche e online

Classifica libri di narrativa più venduti al 27 novembre 2016

In cima alla classifica dei libri più venduti il dominio nella narrativa italiana di Saviano e La paranza dei bambini, mentre in quella straniera l'ultimo Wilbur Smith con La notte del predatore. Rientra Gramellini con Fai bei sogni forse trascinato dal film di Marco Bellocchio. Ma a metà classifica diverse nuove entrate con il romanzo Le otto montagne di Paolo Cognetti e il thriller L'angelo di Sandrone Dazieri. Fra gli stranieri torna La ragazza del treno di Paula Hawkins, e poi il nuovo Paulo Coelho con la vita di Mata Hari, oltre al giallista Colin Dexter. Nelle librerie online le novità sono Il labirinto degli spiriti Carlos Ruiz Zafón, Storie di Natale di autori vari, L'informatore di John Grisham, Io non mi chiamo Miriam  di Maigull Axelsson. Avendo già descritto le opere di Saviano e Smith nel precedente articolo, vediamo invece queste ultime novità centrali. 





Il romanzo di Paolo Cognetti Le otto montagne (Einaudi) ha suscitato interesse alla Fiera di Francoforte ed è in corso di traduzione in 30 paesi. I genitori del solitario Pietro hanno sempre amato le montagne, in montagna si sono conosciuti, innamorati, si sono addirittura sposati ai piedi delle Tre Cime di Lavaredo. La montagna li ha uniti da sempre, anche nella tragedia, e il grigiore di Milano li riempie di rimpianto e nostalgia.  Quando scopriranno il paesino di Grana, ai piedi del Monte Rosa, sentono di aver trovato il posto giusto: Pietro trascorrerà tutte le estati in quel luogo "chiuso a monte da creste grigio ferro e a valle da una rupe che ne ostacola l'accesso" ma attraversato da un torrente che lo incanta dal primo momento. Per il ragazzo sarà l'inizio di un’esperienza di vita che lo farà diventare più consapevole. «Le otto montagne, in fondo parla anche di questo: della fragilità dentro un mondo di pietra e ghiaccio. E di padri, di figli» ha dichiarato l'autore in un intervista a la Repubblica.

Paolo Cognetti
Einaudi
199 pagine










Dopo Uccidi il padre, tradotto in tutto il mondo dagli Stati Uniti al Giappone, acclamato da pubblico e critica come il più grande thriller italiano degli ultimi anni, Sandrone Dazieri con L'angelo (Mondadori) riporta sulla scena i personaggi di Colomba Caselli vicequestore atletica e dura, e Dante Torre esperto di persone scomparse. In un treno ad alta velocità i passeggeri del vagone esclusivo e costoso vengono trovati morti. I primi indizi fanno pensare a un opera di terrorismo islamico, ma Colomba che si occupa delle indagini intuisce che qualcosa è fuori posto. Aiutata da Dante scopriranno che dietro c'è una misteriosa figura femminile dal nome mitologico di Giltinè, nome lituano, dato alla personificazione della morte. Chi sente sussurrare il suo nome, poi non vivrà a lungo.

Sandrone Dazieri
Mondadori 
345 pagine



 



Nella narrativa straniera entra Paulo Coelho con La spia (La nave di Teseo) una sorta biografia romanzata su Mata Hari la donna più desiderabile e desiderata del suo tempo: ballerina scandalosa, seduttrice di uomini ricchi e potenti, capace di diventarne cortigiana, amante e fidata confidente. Scritta in prima persona, la donna ci racconta la sua vita. Accusata di spionaggio venne condannata a morte nel 1917. In attesa dell’esecuzione volle scrivere alcune lettere. E, poco prima di essere fucilata, ai suoi assassini disse: «Sono pronta». Per anni rimasta un mistero, negli ultimi venti anni  i servizi segreti hanno reso pubblici i documenti che la riguardavano. Coelho si è documentato, specie nelle lettere, lo scrittore immagina Mata Hari attraverso la sua ultima missiva, in una lunga confessione, narrando la sua giovinezza in Olanda, il matrimonio con un diplomatico alcolizzato, e poi la fama. «Mata Hari - dice Coelho - fu una delle prime femministe: ha sfidato gli uomini dell’epoca e scelto l’indipendenza. Dalla sua storia possiamo trarre una lezione anche oggi, quando gli innocenti pagano ancora con la vita le accuse dei potenti».

Paulo Coelho
La nave di Teseo
206 pagine






 
Colin Dexter è uno scrittore inglese autore di romanzi polizieschi, ideatore dell’ispettore Morse personaggio che è appassionato di enigmistica. In questo La strada nel bosco (Sellerio) decimo romanzo della serie di Morse, mentre si trova  in vacanza nel Dorset, soffermandosi  come al solito nei pub, legge sul Times un messaggio che la polizia ha girato al giornale per chiedere ai lettori di risolvere un caso. Il messaggio inviato da un anonimo, è un poema che parla di un bosco e di una ragazza, e avverte che questa poesia, se giustamente interpretata, fornisce la chiave per risolvere il caso della Fanciulla Svedese, una bella turista scomparsa e, forse, assassinata l'anno prima. Morse e il sergente Lewis saranno messi a capo della nuova inchiesta. Da alcuni indizi, Morse determina dove il corpo potrebbe essere. I ricercatori troveranno i resti di un corpo, ma da quel momento in poi, le cose diventano ancora più sconcertanti di quanto non fossero prima, poiché non si tratta del corpo della ragazza.

Colin Dexter
Sellerio
468 pagine






Dalla Russia di Trockij al Cile di Pinochet, dalla Germania di Hitler alla Patagonia di oggi, il nuovo romanzo di Luis Sepúlveda La fine della storia (Guanda) attraversa la storia del Novecento, raccontandone grandezze e miserie, per giungere infine alle pagine drammatiche in cui Juan Belmonte un uomo stanco, disilluso dopo aver combattuto tante battaglie gioca la sua partita finale. Il passato torna a bussare alla sua porta. I servizi segreti russi, che conoscono bene il suo curriculum di esperto di guerra sotterranea e infallibile cecchino, hanno bisogno di lui. Il libro inizia con una lettera di John Reed dove l’autore de I dieci giorni che sconvolsero il mondo narra dell’assedio di Pietrogrado rotto dall’Armata Rossa, Reed si chiede se il comandante Trockij abbia fatto bene a graziare il feroce cosacco Krasnov per timore di farne un martire: «sarà la storia a giudicare». Miscelando personaggi reali e finzione letteraria, prendono vita due ex compagni, ora antagonisti di Belmonte, decisi a porre fine alla storia che li perseguita.

Luis Sepúlveda
Guanda
199 pagine 








Se Sepulveda ci racconta la storia del suo paese, Viet Thanh Nguyen con Il simpatizzante (Neri Pozza) vincitore del premio Pulitzer 2016 ci narra del Vietnam. Lo scrittore nato in quelle terre è giunto negli USA come rifugiato politico. Dopo essersi laureato a Berkeley, oggi è professore di inglese alla University of Southern California.  
Attraverso la confessione di un prigioniero politico il libro racconta la storia della caduta del governo sudvietnamita nel 1975, e i successivi eventi, il suo esilio americano a Los Angeles, aggiungendo un pizzico di thriller. Il Generale crede nell’assoluta fedeltà del suo uomo di fiducia, il solo tra i suoi sottoposti ad abitare a casa sua: il Capitano. Non sa però che il Capitano è, in realtà, una spia, un dormiente, un uomo con due facce che fotografa in gran segreto ogni rapporto e dispaccio e li invia a Man, suo addestratore tra le fila Vietcong. Un agente doppiogiochista da risultare insospettabile agli occhi di tutti, anche a quelli di Bon, l’amico di lunga data che è entrato a far parte del famigerato «Phoenix Program» della CIA. Un personaggio notevole con cuore e mente profondamente divisi. "La mirabile descrizione che Nguyen avanza della personalità ambivalente del suo eroe ne fa uno scrittore degno di maestri quali Conrad, Greene e le Carré".

Viet Thanh Nguyen
Neri Pozza
511 pagine 







Fuga di Clive Cussler (Longanesi) è un thriller storico ambientato nel 1910. Il magnate Preston Whiteway offrirà una somma notevole al primo aviatore che attraverserà l'America in meno di cinquanta giorni. Ma in realtà vuole fare vincere Josephine Frost pilota esperta ed affascinante, lei però è anche testimone di un omicidio, e l'assassino la vuole morta. Per questo verrà assunto il detective Isaac Bell. Ricco di colpi di scena, la gara vedrà l'intrepido investigatore privato serrato in un gioco mortale fra gatto e al topo con un killer che non si fermerà facilmente con la volontà di causare caos durante la corsa. 

Clive Cussler
Longanesi
367 pagine



Riassumo per completezza i titoli più venduti nelle prime dieci posizioni secondo gli inserti culturali Tuttolibri (rilevazione Nielsen), La lettura e Repubblica (Eurisko) nella sezione narrativa alla rilevazione del 20 novembre. 


 📖 Narrativa italiana


  • La paranza dei bambini - Roberto Saviano - Feltrinelli
  • L’arte di essere fragili - Alessandro D'Avenia - Mondadori
  • L'estate fredda - Gianrico Carofiglio - Einaudi
  • I Medici. Una dinastia al potere - Matteo Strukul - Newton Compton
  • La cappella di famiglia - Andrea Camilleri - Sellerio
  • Fai bei sogni - Massimo Gramellini - Longanesi
  • Le otto montagne - Paolo Cognetti - Einaudi
  • Dieci e lode - Sveva Casati Modignani - Sperling & Kupfer
  • L'angelo - Sandrone Dazieri - Mondadori 
  • Viva più che mai - Andrea Vitali - Garzanti
  • Mio fratello rincorre i dinosauri - Giacomo Mazzariol - Einaudi



📖 Narrativa straniera


  • La notte del predatore - Wilbur Smith - Longanesi
  • La ragazza del treno - Paula Hawkins - Piemme
  • Il segno della croce - Glenn Cooper - Nord
  • La spia - Paulo Coelho - La nave di Teseo
  • Il libro dei Baltimore - Joël Dicker - La nave di Teseo
  • Gli eredi della terra - Ildefonso Falcones - Longanesi
  • La strada nel bosco - Colin Dexter - Sellerio
  • La fine della storia -  Luis Sepúlveda - Guanda
  • Il simpatizzanteViet Thanh Nguyen - Neri Pozza
  • Il domatore di leoni - Camilla Läckberg - Marsilio
  • Fuga - Clive Cussler - Longanesi
  • Dopo di te - Jojo Moyes - Mondadori




 
 
Librerie online

Oltre ai titoli sopra citati dalle librerie online Amazon, Ibs, laFeltrinelli, Hoepli e Mondadori vengono segnalati anche questi nuovi libri come più venduti nelle prime dieci posizioni al 27 novembre che talvolta anticipano le classifiche successive delle librerie fisiche. 



Carlos Ruiz Zafón ne Il labirinto degli Spiriti (Mondadori) continua con il personaggio di Daniel Sempere adesso non più il ragazzino che abbiamo conosciuto tra i cunicoli del Cimitero dei Libri Dimenticati. Nella Barcellona fine anni '50 Daniel si trova addolorato dopo la misteriosa morte della madre, confortato dalla moglie Bea e il fedele amico Fermín. Quando pensa di essere vicino alla soluzione si troverà di fronte un complotto oscuro che si sviluppa dalle viscere del regime. Sarà Alicia Gris, una figura emersa dalle ombre della guerra, a svelare la storia segreta della sua famiglia.
Questo libro fa parte di un ciclo di romanzi che si intrecciano nell’universo letterario del Cimitero dei
Libri Dimenticati. I romanzi che compongono questo ciclo sono legati attraverso personaggi e fili argomentativi che gettano tra loro ponti narrativi e tematici, sebbene ciascuno di essi offra una storia indipendente e chiusa in se stessa.
Le varie puntate della serie del Cimitero dei Libri Dimenticati possono essere lette in qualunque ordine o separatamente, consentendo al lettore di esplorare il labirinto di storie accedendovi da diverse porte e differenti sentieri, i quali, una volta riannodati, lo condurranno nel cuore della narrazione.


Carlos Ruiz Zafón
Mondadori
729 pagine








Puntualmente l'editore Sellerio manda in libreria Storie di Natale sette storie legate al Natale con racconti di Giosué Calaciura, Andrea Camilleri, Francesco M. Cataluccio, Alicia Giménez-Bartlett, Antonio Manzini, Francesco Recami e Fabio Stassi.
Una grande conchiglia sonante è il simbolo del Natale di Tridicino, pescatore di Vigata, nella storia di Andrea Camilleri, decisamente mitico mediterranea, in contrasto con lo spirito fiabesco e invernale. Anche i racconti che seguono ci narrano di Natali straordinari, immaginati da alcuni tra i più originali scrittori del momento. Quello di Giosue Calaciura é forse un racconto morale sulla diversità e la sua conciliante poesia. Antonio Manzini, intreccia una Vigilia beffarda ai danni di un poveraccio vittima dell’ingiustizia, di classe, dell’amore. L’eroe natalizio di Fabio Stassi è un detenuto che sta per essere trasferito verso un’isola. Mentre in un laboratorio misterioso nel mare greco si svolge l’avventura onirico virtuale inventata da Francesco Cataluccio. Comico e assurdo è il pranzo di Natale in un autogrill isolato nella neve di Francesco Recami, narrato con ironia e cinismo. Mentre la scrittrice spagnola Alicia Giménez-Bartlett rappresenta un Natale fuori norma, claustrofobico, come puo essere quello con la sola compagnia casuale di una fanatica religiosa. La raccolta forma un campionario variegato delle versioni possibili del classico racconto: un Natale che continua perché non può che restare nel desiderio di ognuno, ma si scompone deformandosi e poi modellandosi sulle vite d’oggi.

Aa.Vv.
Sellerio
203 pagine






Con L'informatore (Mondadori) lo scrittore di best sellers John Grisham, si prende una pausa dai suoi personaggi maschili, e torna con una nuova eroina Lacy Stolz, una detective che indaga sulla cattiva condotta dei giudici in Florida. E' più un avvocato che una poliziotta, e da nove anni a questa parte ha avuto a che fare con denunce di violazioni per minori. Un giorno gli si presenterà un caso interessante di corruzione: un avvocato radiato che vive in una barca sotto falso nome ha delle notizie scottanti su un giudice corrotto. Greg Meyers è l'avvocato caduto in disgrazia che sa la verità.  Nel corso di quasi due decenni di corruzione, il giudice McDover ha aiutato la mafia per costruire il casinò Treasure Key. A parte la scrematura dei soldi dal casinò stesso, la mafia è stata anche responsabile di molti sviluppi redditizi immobiliari nelle vicinanze, con eventuali problemi o contestazioni condonate dal giudice Claudia McDover, che è stata ben pagata in contanti e appartamenti. Meyers ha avuto  questa informazione da un intermediario sconosciuto una "talpa" , molto vicino al giudice. Lacy Stolz e il suo collega Hugo Hatch cominceranno a indagare prima di portare accuse formali contro il potente giudice, ma tutto ha un prezzo, anche la vita stessa.

John Grisham
Mondadori
332 pagine










Maigull Axelsson è una scrittrice, drammaturga svedese apprezzata nel mondo e tradotta in ventitré lingue. Con Io non mi chiamo Miriam (Iperborea) ci accompagna in un viaggio drammatico attraverso la seconda guerra mondiale e la Svezia del dopoguerra. Seguiremo una donna rom Malika che prenderà il nome di Mirian e l'identità di un ebrea per sopravvivere in un campo di prigionia femminile a Ravensbrück. Tornata in Svezia farà di tutto per nascondere la sua vera identità, poiché i rom in Svezia erano perseguitati. La sua casa e la sua vita sono mantenuti alla perfezione, ordinata e corretta, ma sotto questa perfezione nasconde un grande segreto che si porta da anni. Quando la famiglia è riunita intorno al letto di Mirian nel suo ottantacinquesimo compleanno affermerà improvvisamente che lei non si chiama Mirian e allora la verità verrà fuori. Una storia di inganni, ricordi soffocati, vergogna, affetti perduti, che in epoca di sospetto verso gli altri si interroga sull'identità etnica, ma sopratutto personale.

Maigull Axelsson
Iperborea
421 pagine 



Vedi qui le precedenti   Classifiche libri 

















Scopri altri libri da leggere


2 commenti :

  1. Ottimo: domani ti linko da Uruk ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per i lettori: Lucius è il curatore del blog archividiUruk.wordpress.com, interessante database di genere bibliografico.

      Elimina

CURARSI CON I LIBRI
Rimedi letterari per ogni malanno

Si può guarire con i libri?  E' quello che ci propongono Ella Berthoud e Susan Elderkin in Curarsi con i libri (Sellerio).