07 giu 2016

 

Porca Vacca - David Duchovny. Memorie di una mucca

L’esordio letterario dell'attore di X-Files David Duchovny con le memorie tragicomiche di una mucca che vuole fuggire in India per salvare la propria vita

Elsie Bovary è una mucca coscienziosa, passa le sue giornate in una bella fattoria sotto gli sguardi virili dei tori, e passeggia con le sue amichette nei prati, dove si trova la migliore erba verde, come gli ricordava la madre, una mucca dai grandi occhi marroni con uno spiccato senso dell'umorismo, un giorno sparita senza nemmeno salutarla. Ma la sua tranquillità cambierà quando per caso da una finestra vedrà un documentario sull'orribile trattamento riservato agli animali di una fattoria. Con i suoi due nuovi amici, un tacchino di nome Tom, un maiale ebreo di nome Shalom fuggiranno dalla fattoria per salvare le proprie vite.





Porca Vacca (Holy Cow) Bompiani editore, è il primo libro di David Duchovny noto attore della serie X-Files. Nato come soggetto per un film d'animazione, il rifiuto di Disney e Pixar, costrinse l'attore come spiega alla fine, " a impugnare la penna proprio come un vero ometto e a farne un romanzo", come già aveva fatto nella fantasia della serie Californication dove interpretava la figura di uno scrittore in crisi.

Il libro si presenta come una sorta di aggiornamento della Fattoria degli animali narrato in prima persona dalla mucca Elsie, una loquace e coraggiosa mucca da latte, in una piccola fattoria nello stato di New York. Elsie passa le sue giornate a farsi mungere,  pascolando e sognando ad occhi aperti con la sua amica Mallory, raccontando le sue esperienze e le sue considerazioni con molta ironia "una normale fattoria non ha nulla a che vedere con quella di Orwell non esistono capi qui siamo tutti capi". Sotto certi aspetti parte del racconto appare didattico narrando la vita della fattoria, Elsie polemizza sul latte di mandorle e il latte di soia ammettendo di non aver mai visto una soia al galoppo, evidenziando che il latte vaccino è il migliore.

Si rivolge poi al lettore incitandolo a leggere la sua storia, anche se la sua editor, dice, sostiene che i lettori non prenderebbero sul serio un libro con un animale parlante, ma Elsie fa degli esempi illustri, oltre alla Fattoria di Orwell, La tela di Carlotta e  Babe,  aggiungendo che la venderà come storia per bambini, letta dagli adulti ai loro figli, magari infilandoci delle battute ironiche e qualche riferimento alla cultura pop degli ultimi trent'anni, come lo sbuffare dei tori alla vista delle mucche un che di ipnotico, una musica dolce quasi quanto un pezzo dei Beatles.

"Vivo la vita e non vedo l’ora di avere dei figlioli tutti miei. Ogni tanto lancio qualche occhiata ai tori, oltre lo steccato, e penso: “Però, niente male.” Da piccola non avrei mai immaginato di dire una cosa del genere, ma si vede che all’epoca ero fatta così."


Restando al quotidiano Elsie dal suo punto di vista fa una critica agli umani, in specie l'uomo che la munge mentre smanetta con il telefonino e manda messaggi, si domanda perché questi strani umani non comunicano come le bestie normali, facendola poi innervosire quando l'uomo gli scatterà una foto ridacchiando, e infuriata la mucca gli sferrerà un calcio, con il telefono che volerà sul letame.
Elsie guarda la tv (ill. Natalya Balnova)

Una notte le due mucche troveranno il cancello aperto e Elsie sarà tentata ad uscire dirigendosi verso la casa del contadino. Attraverso una finestra aperta nella Scatola-dio venerata dagli umani, vede un terrificante programma televisivo che mostra mucche e altri animali mentre stanno per essere macellati in una fattoria industriale. "come un film del'orrore c'era sangue dappertutto. Il sangue della mia gente" dice. "Ho svuotato l'intero contenuto dei mie quattro stomaci e poi ho perso i sensi". Allora Elsie capirà la scomparsa improvvisa della madre e la sua ingenuità si trasformerà in collera e odio verso gli umani.

Successivamente il programma televisivo citerà l'India dove le mucche sono sacre e nessuno le mangia. Elsie perciò deciderà che quello è il suo obiettivo. Insieme a Jerry, un maiale convertito che vuole andare in Israele e Tom, un tacchino perspicace, il quale intuirà che il mese di novembre (il Giorno del Ringraziamento) è abbastanza negativo per la sua specie in questo paese, optando per la Turchia "pensi davvero che i turchi mangerebbero un animale chiamato come il loro paese ? '' dirà. (dall'inglese tacchino turkey)

Così i tre si avventureranno in un viaggio divertente e pasticciato per salvare la propria vita dove ruberanno un jet per completare il loro destino. Su questo particolare alla fine ci sarà una nota del Coau-Toro il quale  specifica che talvolta Elsie tende a infiorettare le sue storie, "perciò non fidarti del narratore fidati della storia. Non fidarti del manzo fidati del ro-manzo".

David Duchovny in una lettura di Holy Cow (youtube)

David Duchovny (1960) in gioventù ha conseguito una laurea a Princeton e un master in letteratura inglese a Yale, allievo del critico letterario Harold Bloom, ambientalista e vegetariano, si rivela in questa gradevole satira, uno scrittore brillante particolarmente bravo a descrivere personaggi stravaganti antropomorfi, specie quando narra di Elsie che si esercita a stare a due zampe per mimetizzarsi fra gli umani, descrivendolo faticoso come un film di Rocky "solo che noi non prendevano a pugni nessuna carcassa”.

E Duchovny provenendo dal mondo del cinema non può fare a meno di fare riferimenti a questo con la voce di Elsie:
"La mia editor dice: “Tesorino, nessun produttore di Hollywood vorrà mai girare un film su un maiale ebreo che va in Israele e viene lapidato dai musulmani. Troppi temi caldi. Troppo di nicchia. Troppo indie. Noi dobbiamo puntare al mainstream, non al Sundance Festival. Senti, ma il maialino non potrebbe andarsene a New York e conoscere una ragazza? Una cosa del tipo: Babe incontra Il mio grosso grasso matrimonio greco?” .


Porca vacca tocca temi come la religione e la tolleranza, ma al suo interno appare una storia di formazione e crescita "il mondo offre di più e non approfittarne è sbagliato. Non si può restare vitelline per sempre". Una lettura gradevole, divertente, forse rivolta più alla coscienza degli adulti che ai ragazzi, nel vedere gli animali che ci ritroviamo nei piatti sotto un punto di vista diverso. 

Il libro è arricchito dalle sobrie illustrazioni di Natalya Balnova illustratrice, graphic designer e artista russa che vive negli Stati Uniti.





  • Il libro 


David Duchovny
PORCA VACCA
Bompiani 2016
168 pagine









Scopri altri libri da leggere


Nessun commento :

Posta un commento

  

 

L’estate raccontata da quattro scrittori

da Truman Capote a Hermann Hesse

 

Vai all’articolo