02 apr 2015

 

7 Libri da leggere ambientati sulle rive di un fiume

Libri ambientati nei fiumi, luogo dove tutto inizia portando storie verso la fine allo sbocco sul mare, trascinando i destini individuali e le vite di alcuni personaggi intorno alle loro rive, fra lo scorrere delle limpide acque come del loro tempo interiore. Barriere di acqua che dividono popoli ed esercitano confini scorrendo scintillanti nel sole come il fluire della vita. Dove - come scriveva Ungaretti - la nostalgia in ognuno dei fiumi trascorsi si svela.











Tre uomini in barca - Jerome K. Jerome

Tre uomini in barca  venne ideato come una guida seria di storia locale lungo il fiume Tamigi, Jerome K. Jerome però lo infarcì di battute spiritose e note divertenti tanto che divenne uno dei più famosi libri umoristici inglesi. Nella storia alcuni amici riuniti una sera ritengono di soffrire di super lavoro, perciò per rilassarsi hanno bisogno di una vacanza. Un loro medico gli prescrive : " una libbra di bistecche con una pinta di birra amara ogni sei ore. Una passeggiata di dieci miglia tutte le mattine. A letto alle 11 in punto tutte le sere. E non t’ingombrare la testa di cose che non capisci". Vengono prese in considerazione un soggiorno in campagna o un viaggio al mare, ma per varie ragioni verranno escluse. I tre alla fine decideranno per una vacanza in barca sul Tamigi , da Kingston a Oxford , durante il quale si accamperanno con tende e fornelli da campeggio, raccontandosi aneddoti, disavventure precedenti e altre che verranno in seguito.
"...seduti ai margini del fiume mentre la luna, che anche lo ama, si china a baciarlo , e lo avvolge con le sue braccia d’argento. Lo guardiamo correre, sempre cantando, sempre bisbigliando, incontro al suo re, il mare — finché le note voci si dileguano nel silenzio, e le pipe si spengono — finché noi, abbastanza comuni e pari a tanti altri, ci sentiamo stranamente pieni di pensieri, mezzo malinconici, mezzo dolci, e non ci curiamo o non sentiamo il bisogno di parlare". 
Insomma un libro gradevole e divertente ricco di humor inglese. 







Cuore di tenebra - J. Conrad

Anche  Cuore di tenebra  di J. Conrad inizia sul Tamigi, su Nellie un battello di crociera in attesa di prendere il largo. Un marinaio Marlow racconta una storia che si svolge lungo un fiume dell' Africa coloniale, una vicenda vissuta in prima persona alle dipendenze della Compagnia per cercare il misterioso Kurtz su " un fiume possente, che sulla carta si snodava come un gigantesco serpente, con la testa nel mare, il corpo ripiegato su un immenso territorio, la coda perduta nel cuore del continente." Un viaggio nel cuore dell' inconscio collettivo, che al narratore per un momento pare un viaggio indietro nel tempo come ai primordi del mondo quando le foreste impenetrabili e la vegetazione rigogliosa spadroneggiavano intorno ad un corso d'acqua vuoto di fronte a un silenzio assoluto. Conrad si ispirò alla reale figura Leon Rom un militare belga famoso per i suoi brutali precedenti in Congo.
Questa figura al cinema è stata ripresa dal regista F. F. Coppola per Apocalypse Now e ultimamente dal regista David Yates per  The Legend of Tarzan
















La casa sull'acqua - Penelope Fitzgerald

La casa sull'acqua   di Penelope Fitzgerald racconta la storia di un gruppo di personaggi eccentrici che vivono su battelli ormeggiati nel fiume Tamigi, fra cui Nenna, una canadese bohemien con il marito lontano e le sue due figlie, lottando per mantenere le cose a galla. Altri personaggi entrano in questa sorta di comunità dubbiosi sulla loro condizione "creature né di terraferma né di acqua". Maurice che vive senza regole e si arrangia come può. Willis un anziano pittore “mezzo artista e mezzo scaricatore di porto” che cerca di vendere la sua imbarcazione. Richard un ex militare della Royal Navy che lavora con il suo dragamine. Ciascuno sperimentando le tensioni e gli scricchiolii del proprio battello - su cui vivono sotto il flusso delle correnti - come punti deboli del proprio corpo.
Premiato in Inghilterra col prestigioso Booker Prize -, lo scenario è gli anni Sessanta, sulle ultime houseboat, le barche sul Tamigi riattate ad abitazione. Attorno ad essi, la folla dei personaggi, figure stabili o precarie e passeggere, da risultare irresistibilmente ironico e umoristico: ironia, priva di ogni compiacimento e di ogni invadenza, che fa pensare - la critica ha notato - al distacco elegante di Jane Austen, insieme all’amore, quando si affaccerà improvviso.






Il mondo perduto - Arthur Conan Doyle

Una spedizione in Sud America nell'altipiano amazzonico fra l'Orinoco e il Rio delle Amazzoni alla ricerca di animali preistorici perduti, questo lo scenario alla base de  Il mondo perduto  di Conan Doyle. Il professor Challenger rivela la sua scoperta di dinosauri vivi in Sud America. Ridicolizzato per anni, inviterà Malone un giornalista in un viaggio per provare la sua storia, insieme con il professor Summerlee.
"Il signor Summerlee pareva confondere il Rio delle Amazzoni con il Tamigi; esso in realtà era un fiume un po' più grande; ma al signor Summerlee poteva risultare interessante sapere che, insieme all'Orinoco, con il quale comunica, il Rio delle Amazzoni copre un territorio di circa 5000 miglia", 

Accompagnato da Lord John Roxton, un avventuriero che conosce bene il Rio delle Amazzoni. Un viaggio avventuroso non privo di rischi fra affluenti e foreste vergini in un mondo inesplorato alla ricerca di un sogno che si trasformi in realtà. Da non confondere con Jurassic Park di Crichton. Conan Doyle è un classico.








Cent'anni di solitudine - Gabriel G. Marquez

In  Cent'anni di solitudine  Macondo è un villaggio di poche case costruito sulle rive di un fiume dalle acque limpide che scorrono su un letto di pietre levigate bianche ed enormi come uova di esseri preistorici. In questo luogo e intorno a questo corso d'acqua si dipana la vita della famiglia Buendía, dove le mazze impazzite di José Arcadio Secondo polverizzano le pietre preistoriche sul fondo del fiume, cercando poi di spianare il letto per creare un servizio di navigazione, un idea irragionevole perché il letto pietroso e diversi ostacoli della corrente non facilitano il transito da Macondo fino al mare. Era lo stesso fiume dove si diceva che il piccolo Aureliano era stato trovato dentro una cesta a galleggiare nell'acqua.







Narratori delle pianure - Gianni Celati

La pianura Padana e il fiume Po sono gli elementi dei racconti di Gianni Celati  Narratori delle pianure. Lo scrittore ci porta a seguire come un mappa la narrazione di fatti, personaggi e esistenze intorno al grande fiume avvolto da banchi di nebbia, fra ponti di barche sull’Oglio, e l’origine del nome Taglio del Po “perché gli uomini un tempo hanno dovuto tagliare il fiume per regolarne la foce. Ma salito sull’argine per guardarmi attorno, non riuscivo a immaginare che fosse esistito qualcosa di diverso dallo spazio della mia epoca”. 





Il Danubio 







Danubio - Claudio Magris

Claudio Magris in  Danubio  ci guida fra le rive della letteratura Mitteleuropea, come un acuto osservatore deliziandoci delle sue note, evocando luoghi e personaggi famosi: la principessa Sissi, Heidegger, Céline, Kafka e tanti altri. Dalle sorgenti al Mar Nero alla ricerca del senso della vita e della storia vagando verso il fiume con molti nomi …«bisnominis», come lo chiamava Ovidio, trascina la civiltà tedesca, col suo sogno dell’odissea dello spirito che torna a casa, verso oriente e la mescola ad altre civiltà, in tante meticce metamorfosi nelle quali la sua storia trova il suo compimento e la sua caduta.
Un fiume Danubio di stimolo a grandi pensatori come Cartesio che in una fredda notte del 10 novembre 1619 incomincia le sue idee a Neuburg in una stanza che da sul fiume dove l’acqua che scende, non può risalire una china”.




  • I libri da leggere



Tre uomini in barca di J.K. Jerome
Cuore di tenebra di J. Conrad
La casa sull'acqua di P. Fitzgerald, Sellerio editore
Il mondo perduto di A.C. Doyle
Cent'anni di solitudine di G. G. Marquez
Narratori delle pianure di G. Celati
Danubio di C. Magris




Scopri altri libri da leggere


Nessun commento :

Posta un commento

  

 

L’estate raccontata da quattro scrittori

da Truman Capote a Hermann Hesse

 

Vai all’articolo