28 lug 2021

 

Trappola per topi - Agatha Christie. Un insidioso testo teatrale della regina del giallo

Cinque strani clienti insieme ai proprietari sono isolati in una locanda durante una tempesta di neve. Tra loro si nasconde un assassino psicopatico che ha già ucciso una persona a Londra. Ciascuno dei presenti però sembra avere qualcosa da nascondere. Toccherà al sergente Trotter, inviato sul posto, risolvere l'enigma. 

trappola per topi



Trappola per topi è una commedia gialla teatrale della famosa autrice inglese, rappresentata nel West End di Londra nel 1952 con repliche ininterrotte almeno fino al 16 marzo 2020, quando le rappresentazioni teatrali hanno dovuto essere sospese a causa della pandemia di COVID-19. 

È considerato uno dei più longevi spettacoli teatrali della storia. Il dramma ha un finale inaspettato, dove il pubblico viene tradizionalmente invitato a non rivelarlo dopo aver lasciato il teatro. 


Nella trama le notizie alla radio di Monkswell Manor parlano di un omicidio avvenuto di recente. Mollie e Giles Ralston, freschi di matrimonio sono i giovani proprietari della tenuta, un tempo regale, che hanno recentemente convertito in una guest house, ma non badano molto alla notizia, poiché sono troppo occupati a prepararsi per l'arrivo dei loro primi ospiti e preoccupati che la bufera di neve che infuria fuori possa ostacolare il loro arrivo.

Christopher Wren arriva per primo. È un giovane molto nevrotico che parla ai Ralston con confidenza mettendoli piuttosto a disagio.

La signora Boyle è la prossima ad arrivare, una persona sgradevole, insoddisfatta di quasi tutto e di tutti.

Poi arriva il maggiore Metcalf, un uomo di mezza età dai toni e modi molto militareschi.

Miss Casewell, una giovane donna un po' mascolina, è la prossima ad arrivare. Lei riferirà maggiori dettagli sull'omicidio che ha avuto luogo di recente.

Poi arriva un ospite inatteso, il signor Paravicini, il quale annuncia di aver avuto un incidente con la sua auto contro un cumulo di neve. È solo felice di aver trovato un posto in cui ripararsi dal tempo.

Il giorno dopo la signora Boyle incomincia a far innervosire tutti. Mollie annuncia che una telefonata della polizia l'ha informata su un loro agente inviato al maniero, nonostante il tempo. Non le viene data alcuna indicazione sul perché l'ufficiale stia arrivando. Molti degli ospiti appaiono ovviamente innervositi dall'annuncio. Diventa evidente che i neo-proprietari dell' hotel non sanno molto dei loro ospiti. A poco a poco tutti diventano sospettosi gli uni degli altri.

Presto il detective della polizia, il sergente Trotter, arriva arrancando con gli sci. Racconta che una donna assassinata un tempo abitava in una casa vicina. Alcuni anni fa, i giudici avevano inviato là diversi bambini per cure e protezione. I bambini però erano stati terribilmente maltrattati e uno di loro era morto prima che i tribunali avessero rimosso gli altri bambini. 

La donna assassinata era quella che aveva abusato di quei bambini. Sul corpo era stata lasciata una nota in cui si affermava che c'erano "tre topolini ciechi" che sarebbero stati assassinati, e sulla nota c'era anche il nome di Monkswell Manor.

Il sergente Trotter crede che qualcuno al maniero abbia un qualche legame con la vittima dell'omicidio. L'assassino, dice, potrebbe essere tra loro anche adesso. Ciascuno degli ospiti, così come i Ralston, negano di essere a conoscenza della situazione.


La commedia in precedenza era stata trasmessa alla radio nel 1947 con il titolo Tre topolini ciechi, ispirata da un caso reale sul giovane Dennis O'Neill, morto dopo che lui e suo fratello Terence avevano subito forti abusi mentre erano affidati a un contadino dello Shropshire e sua moglie nel 1945. 

Il fratello raccontò ai giudici che venivano nutriti con solo tre fette di pane al burro a giorno. I ragazzi affamati cercavano di integrare la mancanza di cibo rubando alimenti dalla dispensa e succhiando il latte direttamente dalle mammelle delle mucche. 

Ma ogni notte i ragazzi venivano percossi con un bastone alle mani e alle gambe con decine di colpi. Uno di questi sarà fatale per il povero Dennis.  La sua morte portò a rivedere la legge in materia di affidamento di minori in Gran Bretagna. 

La scrittrice chiese che la storia non fosse pubblicata finché funzionava come spettacolo teatrale nel West End di Londra. Successivamente venne trasformato in racconto con il titolo Tre topolini ciechi pubblicato sulla rivista americana Cosmopolitan nel 1948. 

Il racconto però non è mai stato pubblicato nel Regno Unito, ma è apparso sempre negli Stati Uniti e in altri paesi nella raccolta del 1950 Three Blind Mice and Other Stories

Il suggerimento di chiamarlo The Mousetrap venne al genero di Agatha Christie, Anthony Hicks. dalla commedia di Shakespeare in Amleto. "Trappola per topi" è la risposta di Amleto alla domanda di Claudio circa il nome della commedia il cui prologo e prima scena, la Corte ha appena constatato. La commedia è in realtà L'omicidio di Gonzago, ma Amleto risponde metaforicamente poiché "la commedia è la cosa" con cui intende "catturare la coscienza del re". 


Il libro

TRAPPOLA PER TOPI

Agatha Christie

Oscar Mondadori




Argomenti dell'articolo:  

LIBRI CONSIGLIATI  



 






Scopri altri libri da leggere


Nessun commento :

Posta un commento