I

12 mag 2014

 

6 Madri cattive o malvagie fra le pagine dei libri

Non si può escludere che alcune mamme tratteggiate fra le pagine dei libri siano abbastanza spregevoli anche se vengono amate in modo strano o particolare. In alcuni casi sono troppo crudeli, cattive non prestano attenzioni ai propri figli, e in altri casi hanno intenzioni omicide. Le madri non possono trionfare, risultano malvagie ai loro figli, troppo protettive, oppure non abbastanza. Quale figlio/a sopporterebbe delle madri cosi?

E. Delacroix Medea

Medea  -  Euripide
Deve essere abbastanza orribile per essere considerata la peggiore madre nella letteratura greca. Uccidendo i suoi stessi figli la maga Medea guadagna quel titolo, facendone praticamente la madre più orrenda della letteratura.



Emma Bovary -  Madame Bovary  - Gustave Flaubert
Ci sono due modi di vedere Emma: una romantica che vuole solo una vita più bella, oppure una egoista che si preoccupa solo di se stessa. Dice di adorare i bambini. La sua bimba sembra una consolazione e gioia, però in un momento d'ira la strattona e gli fa sbattere una guancia nel cassettone. In qualunque modo si vedano le azioni di Emma rovineranno per sempre il futuro della figlia Berthe.




Margaret White, Carrie - Stephen King
La madre di Carrie è una fanatica religiosa, folle, quasi tentata dall'assassinare la sua neonata. Per lei il concetto di maternità viene associato al peccato sessuale come le altri parti del corpo femminile. Rinchiude spesso la figlia in uno sgabuzzino per espiare i suoi 'peccati' di natura femminile. Tentando poi in un crescendo di terrore di accoltellarla. Per fortuna la povera Carrie avrà la sua rivincita.






Addie Bundren, Mentre morivo - William Faulkner
In una povera famiglia di contadini alla morte di mamma Addie viene deciso di dare corso alle sue ultime volontà portando la defunta in un paese vicino dove essa desiderava essere sepolta. Tra varie peripezie lungo il viaggio verranno fuori i rancori da parte dei componenti della famiglia che nascondono segreti mai confessati. Addie è la moglie di Anse Bundren,  madre di Cash, Darl, Jewel, Dewey Dell, e Vardaman. Ha avuto una relazione extraconiugale con il reverendo Whitfield, che ha portato alla concezione e alla nascita del suo terzo figlio, Jewel.
In un racconto corale dei vari personaggi il reverendo si confessa attraverso la voce interiore divina ''Mi resi conto dell'enormità del mio peccato (...) confessa ad alta voce il tuo peccato. Sta a loro, a quel marito tradito, perdonarti: non a me''. 






Charlotte Haze, Lolita  - Vladimir Nabokov
Se non avete mai letto questo libro probabilmente non vi sarete mai chiesti perché Charlotte - madre di Lolita - infatuata del professore Humbert in questo triangolo non si rende conto che il professore si avvicina troppo amichevolmente alla sua giovane figlia. Quando lei lo capisce, si può intuire cosa possa succedere.







Eva Khatchadourian, ...E ora parliamo di Kevin  - Lionel Shriver
Scritto in prima persona dalla madre del figlio killer, documenta il tentativo di venire incontro con esso per gli omicidi commessi. Cercherà di trovarne una ragione accusando se stessa di non essere stata una madre attenta. Eva non è necessariamente una malvagia ma è probabilmente il tipo di persona che trova difficoltà ad accudire dei figli.



I libri citati 

Medea di Euripide
Madame Bovary di Gustave Flaubert 
Carrie di Stephen King, Bompiani 
Mentre morivo di William Faulkner, Adelphi 
Lolita di Vladimir Nabokov, Adelphi 
...E ora parliamo di Kevin di Lionel Shriver, Piemme





Scopri altri libri da leggere


Nessun commento :

Posta un commento

CURARSI CON I LIBRI
Rimedi letterari per ogni malanno

Si può guarire con i libri?  E' quello che ci propongono Ella Berthoud e Susan Elderkin in Curarsi con i libri (Sellerio).