I

26 giu 2015

 

Fantasmagoriana. Un libro di spettri e fantasmi

In un estate del 1816 insolitamente fredda con alcune giornate squarciate da tuoni e fulmini i coniugi Shelley, Percy e Mary vennero invitati da Lord Byron insieme a John W. Polidori a Villa Diodati vicino a Ginevra. Quell’anno venne chiamato ‘L’anno senza estate’ a causa di un esplosione di un vulcano in Indonesia che per oltre un anno causò mutamenti climatici in tutto il pianeta fra cattivi raccolti e piogge torrenziali in Nord America, Europa e Asia, all’epoca nessuno poteva immaginarne la causa. Candele che si dovevano accendere a mezzogiorno e animali che si mettevano al riparo davano alle giornate una luce sinistra spettrale e soprannaturale, un clima ideale per narrare racconti gotici e di fantasmi. Così per passare le noiose serate gli invitati fecero una sorta di gioco su chi avrebbe inventato la storia più spaventosa. Da queste serate nacquero qualche anno dopo il Frankenstein della Shelley e Il vampiro di Polidori precursore del Dracula di Stoker.





Scrive la Shelley in una lettera:

"Nell'estate del 1816 abbiamo visitato la Svizzera, e siamo diventati i vicini di Lord Byron. In un primo momento abbiamo trascorso le nostre ore piacevoli sul lago, vagando sulle sue rive e Lord Byron stava scrivendo il terzo canto del Pellegrinaggio del giovane Aroldo, l'unico tra noi che metteva i suoi pensieri sulla carta. (…) Ma il tempo si era rivelato umido, con la pioggia incessante che ci confinava spesso a casa. Fra le nostre mani ci capitarono alcuni volumi di storie di fantasmi tradotti dal tedesco al francese”.

Villa Diodati .ancestryimages.com
Villa Diodati (ancestryimages.com) 


Turbata da questi racconti decise insieme agli altri  di scrivere una storia, una storia che doveva rivaleggiare con quelle lette fino ad ora. Che avrebbe parlato delle misteriose paure dell'uomo, risvegliato emozioni, gelato il sangue e aumentato i battiti del cuore. Sappiamo a quale storia si riferiva ovvero a Frankenstein.



Frontespizio originale Fantasmagoriana British Library
Frontespizio originale Fantasmagoriana (British Library)

Conosciamo anche quello che questi signori avevano letto per rimanere così eccitati e terrorizzati  cioè Fantasmagoriana. Questo volume, che risiedeva nella biblioteca di Byron, era stato scritto da Jean Baptiste Benoit Eyries nel 1812 un poliglotta, geografo autore di libri di viaggio che presentava il libro astutamente come tratto da un manoscritto misterioso scritto in tedesco, il sottotitolo recitava : raccolta di storie di apparizioni di spettri ritornati, fantasmi etc… Questo era la garanzia per il pubblico francese di orrori spaventosi, quello che era tedesco, all’epoca, suscitava sempre un certo timore.

Ma in realtà erano una raccolta di autori del tempo che presto vennero dimenticati. Una sorta di fiabe popolari dove si cercava di spiegare il soprannaturale con cause naturali, mantenendo sempre una certa ambiguità fra mistero e realtà.

La Shelley nelle lettere ci descrive alcuni racconti fra cui La sposa cadavere da cui Tim Burton ne ha tratto un film e che è presente in questa raccolta. Storia del fantasma di un amante respinta che appare ai preparativi per il matrimonio del suo ex fidanzato indossando lo stesso gioiello della sposa.

È interessante notare un riferimento al famoso libro della Shelley che nel culmine di Frankenstein viene fatta rivivere una nuova sposa (cadavere) alla Creatura per la mancanza di una compagna.  

Mary e Percy Shelley, Byron, Polidori
sopra Mary Shelley e il marito Percy
 sotto da sinistra Byron e Polidori

Questo volume viene riproposto ora nella sua interezza in italiano, arricchito da un accurato saggio introduttivo di Fabio Camilletti. Otto storie soprannaturali fra castelli incantati, spiriti vendicativi e ritornati dall’oltretomba, fra cimiteri e teschi ventriloqui, che forse oggi non vi turberanno come capitò alla Shelley ma ugualmente cercheranno di darvi qualche brivido, specie se li leggerete nella penombra di una notte tempestosa fra tuoni e fulmini e insoliti scricchiolii, mentre siete soli nella vostra camera.
Racconti sospesi fra realtà e immaginazione, uno degli autori dei racconti J.A. Apel scrive: "Se i fantasmi esistano è questione molto incerta...ma è sicuro che molte storie di fantasmi esistono dato che diverse persone le ascoltano e le leggono con piacere."

In breve uno dei racconti, La stanza grigia contenuto nella raccolta:
Un giovane nel 1810 era partito per l'Italia al seguito di una principessa tedesca con funzioni di segretario. Giunto in una città della Germania sostò presso un vecchio amico. Bevendo si raccontarono le loro vite vissute ma giunse l'ora di andare a letto. C'era un letto pronto nella Stanza Grigia dell'antico maniero. L'amico però lo mise in guardia "non vorrai certo passarvi la notte, ti sei dimenticato di Madamigella la Castellana". Si chiamava Gertrud la sventurata castellana che non godeva del riposo della tomba. Gertrud per disonore e disperazione si avvelenò e morì nella Stanza Grigia a 19 anni nel 1616 e avrebbe sofferto per trecento anni le pene del purgatorio continuando a vagare e apparire nella Stanza Grigia, fra un gran letto a baldacchino, alcune sedie tarlate e due tavoli dai piedi arcuati a forma di zoccolo. In precedenza in quella stanza nessuno vi aveva passato una notte tranquilla...



Il libro 















Scopri altri libri da leggere


Nessun commento :

Posta un commento

CURARSI CON I LIBRI
Rimedi letterari per ogni malanno

Si può guarire con i libri?  E' quello che ci propongono Ella Berthoud e Susan Elderkin in Curarsi con i libri (Sellerio).