I

17 ago 2016

 

L’uomo nudo e altri racconti – Georges Simenon

I racconti de L'uomo nudo fanno parte di un altro filone giallo che Georges Simenon creò nel 1941. L'Agenzia O è diretta dall' ex braccio destro del famoso ispettore Maigret 

Joseph Torrence è uno dei quattro fedelissimi collaboratori di Maigret, per quindici anni braccio destro del famoso ispettore; adesso si è messo per conto proprio in una agenzia investigativa. Da parte dei colleghi essere diventato detective privato non era buona cosa, ma per gran parte della gente aveva fatto carriera, visto che era a “capo della più seria, nota e illustre di tutte le agenzie investigative : l'Agenzia  O”. Tuttavia, il vero cervello dell'agenzia è Emile, un apparente fotografo miope che risolverà i casi a nome di Torrence.





Quando si presenta un cliente Emile osserva da dietro uno spioncino mentre il robusto Torrence fa gli onori di casa. E lui che per certi versi dà indicazioni al collega su come agire e come interrogare. Come farà nei tre racconti raccolti da Adelphi  L'uomo nudo e altri racconti.

Simenon scrisse 14 racconti basati sul personaggio di Torrence e l'Agenzia O, pubblicati negli anni 40. Usciti in riviste e poi riuniti dall'editore Gallimard in un unico volume nel 1943. In Italia non sono mai stati pubblicati tutti ma solo una parte fra gli anni '50 /60.

Lo scrittore cercò di staccarsi da Maigret almeno per un paio d'anni scrivendo questi leggeri racconti che hanno un tono ironico, in apparenza scherzoso anche se le storie appaiono serie.

I capitoli iniziano con dei sottotitoli spiritosi tipo  "Dove Torrence fa una scoperta e una certa ragazza diventa di colpo così loquace che nessun poliziotto potrebbe desiderare di meglio" oppure nel capitolo del racconto che da il titolo alla raccolta "Dove si vede che a volte l’abito fa il monaco e il famoso detective Torrence si procura un cliente in una circostanza piuttosto insolita". E in effetti la lettura risulta gradevole da leggere scorrendo bene, senza tante complicazioni. 

Oltre allo spilungone Torrence e all'astuto Emile, ci sono altri due collaboratori nell'ineffabile agenzia situata sopra un negozio di parrucchiere: Barbet, un ex borsaiolo, ora abile segugio sui clienti inaffidabili, e la signorina Berte, una ragazza in carne dall'aria innocente.
  
Tutti quelli che, in Europa, in America o altrove, hanno sentito parlare dell’Agenzia O, se la immaginano dotata di una sede sontuosa e di uno stuolo di dipendenti. E sarebbero molto stupiti se vedessero Émile mentre inforca gli occhiali di tartaruga e indossa un cappotto striminzito negli uffici deserti che non brillano né per lusso, né per comodità

Ne Lo spioncino di Emile una ragazza si presenta all'agenzia dichiarandosi figlia di un famoso notaio. Emile nell'altra stanza dal suo spioncino di vetro, incastrato fra una libreria, nota subito qualcosa di insolito che avrà una correlazione con dei furti di gioielli, cui l'agenzia è stata incaricata di indagare per conto di una compagnia assicurativa.

Torrence e il suo fotografo Emile nel secondo racconto Il capanno di legno si troveranno a investigare in un paesaggio freddo "dove il termometro è sceso a quasi venti sotto zero" viaggiando dentro una macchina scoperta e fermandosi di tanto intanto per togliere la crosta gelata dal parabrezza. Cercano un cadavere che pare si trovi dentro una baracca di legno vicino a un castello e un lago. 

Forse in altri periodi dell’anno il paese è più ridente, ma con questo tempo tutto si profila in bianco e nero, come in un annuncio mortuario, e la donna che serve loro due bicchierini di rum non è per niente cordiale.
  «Il Castello del Lago?... Prendete la seconda strada a destra, nel bosco del Lupo Impiccato...».  To’, anche i lupi si impiccano, da queste parti!

Hanno ricevuto una telefonata da una donna preoccupata che ha visto un morto impiccato ad una trave alla Casa del Lago, a Ingrannes, nella foresta di Orléans. Solo che quando giungono al luogo indicato non vi è alcuna traccia del cadavere e neanche di una corda. Ma più avanti scopriranno un omicidio compiuto con astuzia.


L'homme tout nu edizione 1941
(association-jacques-riviere-alain-fournier)


L'uomo nudo del terzo racconto è un famoso avvocato che si trova senza vestiti al commissariato Quai des Orfèvres a causa di una retata. Torrence sentiva una certa "nostalgia di casa" aveva fatto un salto a rivedere i colleghi e si era ritrovato in una giornata di "pesca": oltre 60 uomini di "ogni tipo ed età, giovani, vecchi, biondi, bruni, persino negri, aspettavano in fila, nudi come vermi. Sembravano alla visita di leva." Scimmiottando il commissario Maigret usando la pipa, Torrence nota un volto familiare.

Torrence è elettrizzato. Non riesce a togliersi dalla testa l’immagine di quell’uomo nudo in mezzo a tutti quegli altri uomini nudi, con le guance ricoperte da mezzo centimetro di barba e quei miserabili stracci che nessuno oserebbe rifilare al più povero dei poveri.

Il celebre avvocato Duboin si trova invischiato in una storia complicata e chiederà l'aiuto di Torrence per farlo uscire senza fare troppa pubblicità. Duboin si dà molte arie e si servirà di Torrence per un astuto piano su una cassaforte inglese insieme a dei documenti che non dovrebbe stare in una villa a Le Touquet, visto che il padrone Sir James Raleigh si trova in Australia all'insaputa di tutto. Ma Emile riuscirà a risolvere il rocambolesco caso con inseguimenti che coinvolgeranno tutti i membri dell'Agenzia O.


Su Simenon vedi anche Il passeggero del Polarlys - Adelphi 2016 



Come dicevo i tre racconti sono piacevoli e dotati di una certa ironia nei dialoghi fra due protagonisti profondamente diversi, ma che insieme formano una squadra infallibile. Un divertimento letterario di Simenon che si cimentava in una sorta di satira verso le storie di detective americane serie della hard boiled come Chandler e Hammett che andavano di moda in quel periodo. 
E' auspicabile che l'editore Adelphi pubblichi anche i restanti racconti per completare la deliziosa serie de Les Dossiers de l'Agence O.


La scheda bibliografica nel sito Archivi di Uruk




  • Il libro 


L'uomo nudo e altri racconti 

Adelphi 2016
128 pagine

Leggi l'anteprima del libro














Scopri altri libri da leggere


2 commenti :

  1. Davvero una bella chicca, la Adelphi sta dando il meglio di sé! Grazie per la citazione: ho appena linkato la tua recensione dalla scheda di Uruk ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' vero, sarebbe ottimo se Adelphi pubblicasse anche gli altri 11 racconti. :)

      Elimina

CURARSI CON I LIBRI
Rimedi letterari per ogni malanno

Si può guarire con i libri?  E' quello che ci propongono Ella Berthoud e Susan Elderkin in Curarsi con i libri (Sellerio).