24 lug 2014

 

Wild il sentiero selvaggio di Cheryl Strayed

Nel 1995 Cheryl a 26 anni dopo una vita disastrosa condizionata dalla morte per cancro della madre, il padre fuggito quando aveva sei anni, il divorzio con il marito e il suo abuso di droghe, mentre si trova in coda in un negozio vede un libro intitolato The Pacific Crest Trail, Volume 1: California, una guida di un sentiero escursionistico nelle catene montuose e selvagge della Sierra Nevada, perciò decide di percorrere le 1.100 miglia del Pacific Crest Trail lungo la costa occidentale degli Stati Uniti cercando di raggiungere la sua meta: il Bridge of the Gods. Dopo un viaggio di tre mesi, per ritrovare se stessa, uscirà dall'altra parte più forte in grado di mettere ordine nella sua vita.

Pacific Crest Trail Washington

Determinata in questa sua avventura liberatoria acquista quasi tutto quello che gli potrebbe servire per tre mesi di viaggio: pantaloni in pile, una giacca a vento, una camicia termica, due paia di calze di lana e biancheria intima, un sacco a pelo, una sedia da campo, una lampada, cinque corde elastiche, un depuratore d'acqua, una piccola stufa pieghevole, una bombola di gas, due pentole, utensili da cucina, un termometro, un telo, un kit per i morsi di serpente, un coltellino svizzero, binocoli, una bussola, un libro intitolato Staying Found per sapere come utilizzare una bussola, un kit di pronto soccorso, articoli da toeletta, una lanterna, bottiglie d'acqua, pillole di iodio, un taccuino, due penne e dei libri, oltre alla guida The Pacific Crest Trail,   Mentre morivo  di William Faulkner e un libro di poesie di Adrienne Rich The Dream of a Common Language.'' Era vero che adesso The Pacific Crest Trail, Volume 1: California era la mia bibbia, ma The Dream of a Common Language era la mia religione " così il suo zaino soprannominato il Mostro diviene talmente pesante da non poter stare quasi in piedi.


Cheryl Strayed
Cheryl Strayed all'epoca del viaggio

Pronta con questo armamentario dilettantesco si avventura in questa natura selvaggia e ci parla, ottenuta il divorzio, del cambio di cognome in Strayed che è in un certo senso simbolico, il vero cognome non verrà mai citato. "C’erano state le dimissioni dal lavoro di cameriera, il divorzio, la vendita di quasi tutto ciò che possedevo, l’addio agli amici e l’ultima visita alla tomba di mia madre." E pochi mesi prima della partenza l'incontro con un uomo Joe, il sesso e l'eroina "Mi tolsi gli scarponi e mi massaggiai i piedi. Il livido sulla caviglia lasciato dalla pera di eroina che mi ero fatta a Portland era ancora visibile, ormai sbiadito in un giallo cupo" .

La narrazione di  Wild  avviene in parallelo fra presente e passato, la Strayed in questo straordinario libro  ci racconta del suo passato difficile e il presente impegnativo con perfetto equilibrio. Così come gli incontri con gli orsi, i serpenti a sonagli, il leone di montagna, il ghiaccio, la neve, la perdita di sei unghie dei piedi, lividi e croste, stivaletti improvvisati e realizzati in calze con avvolto nastro adesivo. Una volta si sveglia coperta di rane e incontra durante il tragitto escursionisti sconosciuti che sono straordinariamente gentili con lei.


Cheryl si descrive come “la donna con un buco nel cuore” capace di trasformare se stessa attraverso la solitudine e il rischio di incontrare un alto numero di pericoli, confortandosi anche con la letteratura, lungo la strada gli escursionisti incontrati gli regaleranno libri come Tutti i racconti di Flannery O'Connor e Aspettando i barbari di J.M. Coetzee il tutto con un certa lucidità d'animo.
Poco più avanti dirà "Non sapevo che dopo quindici anni avrei portato la mia famiglia su quella stessa panchina bianca per mangiare un cono mentre io raccontavo la storia del tempo in cui ero già stata lì, quando avevo finito un lungo trekking su un sentiero chiamato Pacific Crest Trail. E sarebbe stato solo allora che il significato del mio cammino si sarebbe dispiegato dentro di me, il segreto che mi ero sempre ripetuta finalmente svelato".

Cheryl Strayed ha pubblicato un altro libro Meraviglioso (Piemme) una raccolta di lettere che l'autrice sotto lo pseudonimo di Sugar  ha ricevuto da mittenti anonimi che chiedevano a lei consigli sulla propria vita.


immagine dal film Wild
Immagine dal film Wild



  • Versione cinematografica 

Dal libro di Cheryl Strayed è stato tratto il film Wild  (2014) diretto da Jean-Marc Vallée con Reese Witherspoon nella parte della protagonista, Nick Hornby ha scritto la sceneggiatura.



  • Il libro 



WILD

Picwick ed. 2016
405 pagine





Scopri altri libri da leggere


Nessun commento :

Posta un commento

  

 

L’estate raccontata da quattro scrittori

da Truman Capote a Hermann Hesse

 

Vai all’articolo