17 dic 2015

 

Zia Sass di Pamela L. Travers. Una Mary Poppins inedita

Tre racconti inediti dell'autrice di Mary Poppins, Zia Sass ispirazione per il personaggio reso famoso dalla Disney


All' autrice di Mary Poppins, Pamela L. Travers, non piaceva la versione che ne fece Disney del suo libro trovandola troppo fumettistica e radiosa. Nei suoi libri raccontava la paura, la tristezza dei bambini e la consueta tragica transitorietà della vita. Come scrive in uno dei tre racconti Johnny Delaney - inediti in Italia - contenuti in questo libro Zia Sass (Sellerio): «I bambini provano emozioni forti e profonde ma non hanno un meccanismo per gestirle». Oltretutto la scrittrice prese dalla sua famiglia i caratteri del personaggio di Zia Sass in particolare dalla prozia Ellie, Christina Saraset "un bulldog con un cuore tenero" come la definì, la quale servì per delineare il personaggio di Mary Poppins.




Nate come regalo di Natale per i familiari stampate in tiratura limitata di 500 copie negli anni '40 le storie della Zia Sass si concentrano su tre figure influenti dell'infanzia della scrittrice. Si va dall' eccentrica prozia Christina, conosciuta come Sass che fu d'ispirazione per Mary Poppins, un cuoco cinese nel racconto Ah Wong e un ex fantino tuttofare in Johnny Delaney.
La zia Sass «è una donna impressionante, acuta, misteriosa  piena di contraddizioni», ma nello steso tempo severa e riservata, «l'umanità che si nascondeva dietro quella crosta superficiale, toccava il cuore di chiunque entrasse in contatto con lei»"

In Ah Wong, alcuni bambini di una famiglia australiana cercano di convertire il loro eccentrico cuoco cinese al cristianesimo, con risultati abbastanza divertenti. Nella terza ed ultima storia, Johnny Delaney, il protagonista è un irlandese con le sue piccole e sottili gambe arcuate che opera nella tenuta di famiglia, un jolly di tutti i mestieri "si sarebbe detto che fosse principalmente un fantino". Ma era stalliere, carpentiere e anche, quando il lavoro scarseggiava, un tagliatore di canna da zucchero. Nella sua dimora - un luogo di intensa intimità, dove i bambini non sono ammessi - Johnny si impegnerà nel suo misterioso "lavoro della mia vita".

Johnny Delaney durante l'infanzia della Travers, era un uomo risoluto che come Ah Wong diventerà uno dei preferiti nell'immaginario dei bambini, qualcuno che dava consigli - a loro modo inimitabile - proteggendo e istruendo: un personaggio mai dimenticato, "quando eravamo giovani pensavamo di avere avuto tre genitori: mia madre, mio padre, e Johnny " disse la Travers.

Ah Wong invece divenne cuoco della famiglia nella loro piantagione di zucchero australiana, quando inspiegabilmente sostituì il cuoco precedente, all'epoca era consuetudine avere cuochi cinesi per le piantagioni di zucchero. Egli era socievole con tutti in famiglia, amato dai bambini e dalle sorelle della piccola Pamela. Con il suo codino pulito Ah Wong "sotto il cappello di Ah Wong spuntava un codino lungo, nero e lucido" prese il posto al centro della vita familiare insieme alla scia del suo esotico profumo, la piccola capanna ordinata, e il suo piccolo set di tè cinese. Quando i bambini resteranno colpiti, scoprendo che il loro amico non è cristiano, escogiteranno un surreale piano per battezzarlo.

«Io già ho mio bello bello nome cinese. Allola pelché andale in chiesa, eh?».
    Noi glielo spiegammo, con pazienza e con qualche riserva. Non avevamo ancora rivelato ad Ah Wong che lo stavamo trasformando in un cristiano. Sapevamo già che a volte è meglio non dire tutta la verità, o quantomeno, non dirla tutta insieme. Ci sarebbe stato tempo a sufficienza per un completo chiarimento dopo il battesimo.



Queste piccole storie sono affascinanti e questo volumetto, edito da Sellerio, impreziosito dalle illustrazioni di Gillian Tyler, sicuramente potrà piacere a grandi e piccini per scoprire o riscoprire la Travers. Ci sono delle similitudini con i suoi romanzi,  zia Sass come Mary Poppins ha un "bastone di ebano e avorio in mano, e un cappello con sopra due piume di piccione. A chiunque altro una piuma sola sarebbe bastata. La zia Sass doveva averne due".
Vi anche delle licenze poetiche ma Pamela, che aveva un acuto senso dello spirito e spesso fantasticava di mondi al di là di questo, potrebbe non fare caso a tali distinzioni letterarie.

E' facile capire perché queste persone hanno avuto un tale impatto sulla giovane Travers: arrivarono nella sua vita proprio al momento giusto, lasciando il loro segno su una ragazza impressionabile destinata a diventare una famosa narratrice, dando al mondo uno dei personaggi più amati e memorabili. Anche se sembrano dedicati ai bambini queste lievi storie di tre personaggi che hanno giocato un ruolo importante nell' infanzia di questa scrittrice possono essere facilmente lette in poche ore. Una volta la scrittrice dichiarò : «Mi dispiace moltissimo quando la gente fa distinzione fra libri per ragazzi e libri per adulti. Non ho mai scritto per i ragazzi. Tutti i libri per ragazzi sono anche per gli adulti e tutti i libri per adulti sono anche per ragazzi».

L'autrice 

Emigrata dall'Australia negli anni '30 Helen Lyndon "Guinty" Goff incominciò a scrivere con lo psudonimo di P.L.Travers il suo libro più famoso Mary Poppins pubblicato nel 1934. Continuando altre decine di romanzi fino al 1988.
Nel dopoguerra venne contattata più volte da Walt Disney per una riduzione del suo romanzo finché nel 1964 ne uscì una versione interpretata da Julie Andrews. Parte della genesi della storia verrà raccontata nel film del 2013  Saving Mr. Banks.


Il libro

Pamela Lyndon Travers
Sellerio











Scopri altri libri da leggere


Nessun commento :

Posta un commento

  

 

L’estate raccontata da quattro scrittori

da Truman Capote a Hermann Hesse

 

Vai all’articolo