I

26 set 2016

 

Storie di mummie | Perduti dentro una piramide | Racconti e romanzi

La British Library pubblica una raccolta di racconti classici sulle mummie intitolata Lost in a Pyramid. Il titolo è ripreso da un racconto di Louisa May Alcott del 1869 con sottotitolo Or The Mummy's Curse, dove una giovane coppia, Paul e Evelyn dall'Egitto portano a casa una manciata di semi scarlatti rubati da un antica tomba egizia. La mummia nella tomba era quella di una sacerdotessa, come riportato sul papiro incluso nella sepoltura, avrebbe maledetto chiunque disturbasse il suo riposo. Ignorando queste istruzioni questi semi saranno piantati per un esperimento. Nasceranno degli strani fiori inodori causando la morte dell’archeologo, paralizzando la giovane sposa. Un racconto breve ma inquietante, alieno ed esotico della Alcott che si legge come un avvertimento.




Delle 12 storie presentate solo quella di Conan Doyle La mummia pare l'unica nota, dove uno studente di Oxford rianima una mummia e la invia ad attaccare coloro contro i quali ha un rancore.  La maggior parte delle altre storie fra cui The Curse of Vasartas di Eva M Henry - 1889 (la rimozione di un sarcofago porterà tragedia in tutti i soggetti coinvolti); The Necklace of Dreams di WG Peasgood - 1910 (chi indossa una collana soffrirà di incubi e poi la morte); The Dead Hand di Hester White - 1904 (un reperto finché non sarà riportato al suo legittimo proprietario, porterà solo sfortuna al narratore della storia), sono di autori sconosciuti con pseudonimi, a parte un racconto di Sax Rohmer The Mysterious Mummy - 1903 (autore del personaggio di Fu Manchu) storie pubblicate in riviste e mai ristampate fin dalla loro pubblicazione.
In entrambi i casi si tratta di un importante raccolta curata da Andrew Smith, un accademico con un particolare interesse per il gotico. Sarebbe auspicabile che venga anche tradotta e stampata in Italia.



  • La figura della mummia in letteratura nell'età vittoriana


Le storie di mummie hanno avuto il suo periodo di massimo splendore tra il 1869 e il 1910, con i militari britannici nella partecipazione politica in Egitto, vedi il Canale di Suez, insieme agli scavi in corso nei principali siti archeologici. I racconti gotici che incominciavano a germogliare dalle menti dei letterati implicavano l'irruzione di forze, antiche vendicative, soprannaturali del luogo all'interno della civile, razionale, moderna Inghilterra, seguendo uno schema simile in cui l'esotico l'Egitto veniva rappresentato come pericoloso per gli inglesi che lo "invasero", costruendo un falso e gotico paese nella fantasia popolare. Alcuni romanzi avevano un sentore vagamente erotico. La maggioranza, tuttavia, rivelava l'ambivalenza degli autori nei confronti degli eventi contemporanei per essere - come sottolinea Smith nella sua introduzione - racconti di maledizione.



Già Edgar Allan Poe aveva scritto a proposito delle mummie nel suo Quattro chiacchiere con  una mummia (1845) e nei primi tre decenni del secolo scorso si sviluppò un interesse su tutto ciò che riguardava l'Antico Egitto e i suoi rituali di sepoltura.

Ma il fascino di mistero si accentuerà con la scoperta della tomba di Tutankhamen nel 1923 che Howard Carter trovò intatta. Per svuotare completamente il contenuto della quattro stanze ci vollero ben dieci anni di paziente lavoro, con la catalogazione dei 3.673 oggetti ritrovati per altri cinque anni.

Il 17 febbraio del 1923, Lord Carnarvon e Howard Carter entrarono nella tomba intatta del diciannovenne Faraone dopo tremila anni, e  non poterono non notare l'avviso inciso con i geroglifici sull'ingresso: «La morte spazzerà con le sue ali chiunque profani la mia tomba». Sul sarcofago intatto vi trovarono deposto un mazzo di fiordalisi che poco dopo si dissolse in polvere all'ingresso degli studiosi.

La prima vittima fu il dottor White, il primo ad entrare attraverso la porta esterna del sacello. S'impiccò pochi giorni dopo per ragioni mai chiarite.
Il finanziatore degli scavi, Lord Carnarvon, che spalancò per primo la porta d'orata che dava accesso alla tomba, si sentì pungere su una guancia, nello stesso punto in cui, in seguito, verrà trovata una cicatrice sul volto della mummia del Faraone. Poche ore dopo venne colto da una violenta febbre. Sei settimane dopo era morto.
Altre decine di persone che vennero a contatto con il faraone morirono nel corso dei mesi successivi.
Di fronte a questa catena di decessi qualcuno vi scorse l'effetto di un occulto potere malefico. Forse coincidenze. Si cercarono risposte razionali, qualche giornale forse esagerò, ma l'ombra della "maledizione della mummia " almeno nell’idea popolare non venne mai cancellata.

Anzi con l'avvento dei media si creò un egittomania che sfociò poi nell'horror cinematografico.
La mummia  è un classico intramontabile del 1932 con un Boris Karloff bendato e incartapecorito che risorgeva dal lungo sonno, successivamente nel 1959 la figura bendata passò nell'interpretazione di Christopher Lee, senza contare la trilogia iniziata nel 1999.



Scrive Gianni Pilo nell' introduzione alla raccolta  Storie di mummie  (Newton Compton):
"Tra le figure similari che costellano l'immaginario orrorifico, la mummia costituisce un caso sicuramente atipico. Infatti, tra i cadaveri che si rianimano per volontà propria o altrui - siano essi Golem, la Creatura di Frankenstein o gli Zombie - è l'unica che non è frutto della sola fantasia, ma prende le mosse da un elemento reale e incontrovertibile, ossia un cadavere che a seguito di un processo d'imbalsamazione diventa una mummia ... La mummia si risveglia da sé. È sufficiente il mutamento di stato nell'ambiente che la circonda a ridarle la vita, e da quel momento il suo procedere e le sue azioni sono inesorabili, sino all'eliminazione fisica di chi si è reso responsabile della fine del suo riposo."
Nella raccolta italiana vi sono oltre 20 racconti da Poe a Conan Doyle (compreso anche L'anello di Thoth), Bram Stoker ( Il gioiello delle sette stelle) a Robert Bloch (Gli occhi della mummia).



Fra i romanzi Anne Rice nel 2000 si è cimentata con  La mummia  incentrato su Ramses il dannato, costretto a errare per il mondo in preda ad appetiti insaziabili, eternamente sospeso fra il passato e il presente. Il faraone dopo aver bevuto un elisir si risveglierà nella Londra dell'Ottocento assumendo i panni del dottor Ramsey, esperto di egittologia, diventando amante di una donna ricchissima.

Robin Cook con  L'ombra del faraone  mescola Egitto e thriller fra sparizioni e inseguimenti nella capitale egiziana con l'audace egittologa Erica Baron.




Da segnalare i romanzi mistery di Elizabeth Peters fra cui  La sfida della mummia  ambientati verso la fine del 1800 nel periodo della Golden Age, con l'egittologa Amelia Peabody.





L'editore Fanucci pubblica La mummia e altri racconti un antologia di dieci racconti da Conan Doyle, Lovecraft, Gautier, Robert Bloch e altri.

Vedi anche l'articolo su Archivi di Uruk




Da considerare La mummia  di David Levithan tratto dalla sceneggiatura del noto film uscito nel 1999.




Fra i saggi da leggere  Il mistero delle mummie  di Antonio Grilletto, La magia egiziana di E.A. Wallis Budge, Tutankhamen di Howard Carter,  La maledizione dei faraoni  di Philipp Vandenberg.



Stranamente nel panorama editoriale italiano non sono frequenti pubblicazioni di fiction su questo tema, genere che nei paesi anglosassoni ha più radici, a parte i libri per ragazzi di R.L. Stine.
Che forse le mummie nell'immaginario odierno abbiano meno fascino dei vampiri ?  

Il tema invece al cinema pare sempre più vivo che mai, poiché prossimamente Tom Cruise sarà il protagonista di The Mummy in uscita nell'estate 2017.
Un antica regina si risveglierà dalla sua cripta sotto il deserto, portando con sé il male accumulato nel corso dei millenni, seminando orrore e morte che sfidano la comprensione umana.


Qui il racconto di Louisa May Alcott  La maledizione della mummia 





A tema cinematografico vedi anche gli articoli :

 8 film sulle mummie da non perdere 

Vieni dalla tua Mummy






  • Il libro 


Lost in a Pyramid: & Other Classic Mummy Stories - (a cura di) Andrew Smith
224 pag
British Library Board


(Fonte: The Guardian)







Scopri altri libri da leggere


6 commenti :

  1. Splendido post: è strano che in Italia le mummie non abbiano lo stesso impatto dei loro "colleghi". Spero che questa antologia arrivi anche da noi ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo spero anch'io. Avevo chiesto a Newton Compton se era prevista una futura ristampa del bel libro curato da Gianni Pilo, ma non ho avuto risposta. Credo sia l'unico editore che potrebbe curare una raccolta del genere.

      Elimina
    2. Eh, forse una volta, quando andava di moda l'orrore e ci spendeva soldi. Oggi si limita a ristampe vecchie e al romance, temo nessuno sia più interessato alle care vecchie antologie horror che hanno accompagnato l'infanzia/adolescenza di molti...

      Elimina
    3. Comunque vedo che le Storie di fantasmi e vampiri li hanno ancora in catalogo; povere mummie...

      Elimina
  2. Ho citato questo splendido post nell'iniziativa, partita oggi, "Vieni dalla tua Mummy": un mega-ciclo inter-blog su ogni argomento mummiesco in attesa del film di Cruise (per ridergli in faccia!) ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un ottima iniziativa che esplora questo tema in maniera più articolata nella blogosfera ;-)

      Elimina

CURARSI CON I LIBRI
Rimedi letterari per ogni malanno

Si può guarire con i libri?  E' quello che ci propongono Ella Berthoud e Susan Elderkin in Curarsi con i libri (Sellerio).