23 mar 2016

 

6 Libri con personaggi femminili indimenticabili

In genere veniamo attratti dai personaggi letterari che ci sorprendono e ci ispirano, in questo caso ho raccolto alcune delle eroine indimenticabili. Queste donne sono forti, intelligenti, coraggiose. Ma non sono senza difetti questo è ciò che le rende convincenti. Complicati e pienamente realizzati, questi personaggi femminili di fantasia cambiano nel corso della storia e a volte sfidano le nostre aspettative. Sono il genere di personaggi che ci fanno riflettere a lungo dopo che abbiamo girato l'ultima pagina.

Woman seeving- P.W. Steer



Jane Eyre
Charlotte Brontë
"Credete che perché sono povera, oscura, semplice e piccola, non abbia un'anima e un cuore? Vi sbagliate!... Ho un'anima come voi... e un cuore come il vostro! E se Dio mi avesse concesso una qualche bellezza e molta ricchezza, vi avrei reso penoso il separarvi da me come lo è per me il separarmi da voi". C'è bisogno di dire di più?
Anche l'autrice nella realtà rifiutò una proposta di matrimonio dal reverendo Henry Nussey, sacerdote e fratello della sua buon amica Ellen Nussey.

Norton Conyers
Norton Conyers. (foto nortonconyers.org)
La casa visitata da Charlotte Brontë nel 1839 servì d'ispirazione per Thornfield Hall
In una lettera all'amica nel 1839 scrive: "...mi sentivo ben disposta nei suoi confronti perché è un uomo gentile e di indole buona, tuttavia non riscontrai in me, e non potrei avervi riscontrato, quell'intenso attaccamento che mi avrebbe disposta a morire volentieri per lui; e se mai dovessi sposarmi dovrò essere in grado di circondare mio marito con questo alone di adorazione".

Erin Blakemore nel suo libro dedicato a 12 protagoniste della letteratura scrive che l'abbandono, la disperazione, e la devastazione della vita privata di Charlotte impallidisce in confronto con quello che farà la sua eroina Jane, un orfana povera che deve farsi strada attraverso un mondo ostile e immorale. Proprio quando Jane pensa di aver trovato il vero amore e una vita pacifica, Charlotte gli toglie metaforicamente il tappeto da sotto i piedi. Edward Rochester, l'uomo lunatico che Jane ama appassionatamente, rivela un segreto disastroso all'altare: lui è già sposato. Ancora peggio, la moglie è una pazza che vive nella soffitta della casa dove la coppia ormai irrimediabilmente sfortunata si innamorò.




Erin Blakemore
LE PROTAGONISTE
Da Rossella O’Hara a Jane Eyre
Castelvecchi   2015













Clarissa Dalloway
La signora Dalloway - Virginia Woolf
Già nel 1925 quando Virginia Woolf pubblicò Mrs. Dalloway, il libro aveva uno sguardo rivoluzionario nella coscienza del personaggio. La storia di un giorno apparentemente normale nella vita di una donna normale diventerà radioso. La signora Dalloway si prodiga preparando una cena, mentre sullo sfondo la guerra ribolle, alla fine, la morte di un giovane uomo che non ha la forza di considerare il conflitto sarà essenziale per Mrs. Dalloway.
"Ciò che è vicino si allontana; l'estasi svanisce; e si resta soli. Nella morte c'è un amplesso. Ma quel giovane che s'era ucciso - aveva fatto il gran salto tenendo stretti a sé i suoi tesori? "Se io dovessi morire ora, sarebbe la perfetta felicità" ella aveva detto un giorno, scendendo le scale vestita di bianco." 
Parole profetiche per la Woolf che si suicidò annegando nel fiume Ouse il 28 marzo 1941.



Virginia Woolf
LA SIGNORA DALLOWAY
Einaudi 2014











Miss Brodie
Gli anni fulgenti di Miss Brodie - Muriel Spark
Miss Brodie è un insegnante particolare. Quarantenne zitella cerca di formare le sue allieve nel loro ruolo di donna. Sotto la sua attenzione queste sei ragazze, che secondo miss Brodie sono un gruppo d'elite, cercheranno di distinguersi dal resto della scuola. I suoi metodi però così poco ortodossi susciteranno sospetti negli altri insegnanti e nella direttrice della scuola.
E' lodevole l'idealismo di Miss Brodie e il suo romanticismo e anche il modo in cui ispira i suoi studenti con assoluta disinvoltura. Il personaggio di Miss Brodie si basò su una reale figura d'insegnante della scrittrice "Che riempiva le nostre menti di stupore".



Muriel Spark
GLI ANNI FULGENTI DI MISS BRODIE
Adelphi 2005










Emma Bovary 
Madame Bovary - Flaubert
"Prima di sposarsi, Emma aveva creduto di essere innamorata, ma la felicità che sarebbe dovuta nascere da questo amore non esisteva, ed ella pensava ormai di essersi sbagliata. Cercava ora di capire che cosa volessero dire realmente le parole felicità, passione, ebbrezza, che le erano sembrate così belle nei libri."
Flaubert ci mise l'anima per creare il suo personaggio tanto che talvolta Emma Bovary lo farà imbestialire in una lettera del 1852 a Louise Colbert scrive " Come m’embête la mia Bovary! [...] La scena dell’albergo forse mi richiederà tre mesi, non ne so nulla. A tratti ho voglia di piangere, tanto sento la mia impotenza. Ma vi creperò sopra piuttosto che schivarla".



Gustave Flaubert
MADAME BOVARY
Feltrinelli 2014












Susanna Kaysen
La ragazza interrotta
La scrittrice descrive se stessa dopo che a 18 anni gli viene diagnosticato un disturbo della personalità. Viene ricoverata in una prestigiosa clinica psichiatrica. Le verrà detto che rimarrà solo per un paio di settimane. Passeranno due anni. In questo libro autobiografico descriverà quegli anni riflettendo sulla sua condizione e sulla natura della sua malattia, suggerendo che la sanità mentale è una menzogna costruita per aiutare il "sano" a sentirsi "normale". Un libro di memorie intenso descritto con un punto di vista estremamente nitido. Nel 1999 è stato fatto un adattamento cinematografico con Wynona Ryder e Angelina Jolie.



Susanna Kaysen
LA RAGAZZA INTERROTTA
Tea 2013










Holly Golightly
Colazione da Tiffany - Truman Capote
Capote-Colazione da Tiffany-Garzanti
COLAZIONE DA TIFFANY
Holly è una ragazza di campagna ambiziosa che vuole sfondare nella grande città di New York. Non ha un lavoro vero e proprio, cerca di socializzare con uomini ricchi fra locali prestigiosi e ristoranti, gli uomini la pagano o gli fanno regali costosi, la sua speranza sarà di sposare uno di loro. Egli però non è una prostituta Capote la definì una geisha americana. Al narratore rimarrà in memoria un biglietto trovato sul campanello della sua abitazione " Signorina Holiday Golightly, in transito" e verrà attratto dai "colori chiassosi dei suoi capelli da ragazzino, a ciocche fulve, venate di biondo albino e di giallo... Aveva un viso che, pur avendo superato la fanciullezza, non era ancora quello di una donna. Pensai che poteva avere qualsiasi età fra i sedici e i trenta; come scoprii in seguito mancavano due mesi al suo diciannovesimo compleanno.". Anche se Capote non era convinto di Audrey Hepburn nella parte del personaggio di Holly, non si può fare a meno di immaginarla così.


Vedi anche : Biografie di grandi donne












Scopri altri libri da leggere


Nessun commento :

Posta un commento

  

 

L’estate raccontata da quattro scrittori

da Truman Capote a Hermann Hesse

 

Vai all’articolo